EL JARDÍN PROHIBIDO Sandro Giacobbe

EL JARDÍN PROHIBIDO (1975)

Lista de Canciones

1. EL JARDÍN PROHIBIDO

Esta tarde vengo triste y tengo que decirte,
Que tu mejor amiga ha estado entre mis brazos.
Sus ojos me llamaban pidiendo mis caricias,
Su cuerpo me rogaba que le diera vida.
Comí del fruto prohibido,
Dejando el vestido
Colgado de nuestra inconsciencia.
Mi cuerpo fue gozo, durante un minuto,
Mi mente lloraba tu ausencia.
No lo volveré a hacer más,
No lo volveré a hacer más….
Pues mi alma volaba a tu lado y mis ojos
Decían cansados que eras tú, que eres tú,
Que siempre serás tú.
Lo siento mucho, la vida es así.
No la he inventado yo.
Si el placer me ha mirado a los ojos
Y cogido por mano, yo me he dejado llevar por mi cuerpo,
Y me he comportado como un ser humano.
Lo siento mucho, la vida es así,
No la he inventado yo.
Sus besos no me permitieron repetir tu nombre,
Y el suyo sí,
Por eso cuando la abrazaba
Me acordé de ti.
Comí del fruto prohibido
Dejando el vestido colgado
De nuestra inconsciencia.
Mi cuerpo fue gozo durante un minuto,
Mi mente lloraba tu ausencia.
No lo volveré a hacer más,
No lo volveré a hacer más…
Pues mi alma volaba a tu lado y mis ojos
Decían cansados que eras tú, que eres tú,
Que siempre esa eras tú.
Lo siento mucho, la vida es así.
No la he inventado yo.
Si el placer me ha mirado a los ojos
Y cogido por mano yo me he dejado llevar por mi cuerpo,
Y me he comportado como un ser humano.
Lo siento mucho, la vida es así, no la he inventado yo.

2. YO PRISIONERO

Escucha el silencio un momento
No llores y déjame hablarte
Te he dicho las cosas que creo
Y lo siento.
Amar no es pasar sólo el tiempo
Amar no es luchar contra el sueño
Y estando abrazado contigo
Me duermo.
Y está bien, está bien, está bien
Sujeta esa lagrima y ven
Y está bien, está, está bien, está bien
Te miento y repito “está bien”
Pero no puedo serte sincero
No tengo fuerzas para romper.
Yo prisionero me siento
Y prisionero me quedo entre tu llanto y mi miedo.
El llanto te nace en el pecho
Y riega tu rostro un instante
Debiera decirte “me marcho”
Y no puedo.
Y está bien, está bien, está bien.
En vez de decirte “está mal”
Sobre el agua violenta del odio
No puedo mirarte y hablar.
Aunque me quede estoy convencido
Lo nuestro apenas tiene sentido.
Yo prisionero me siento
Y prisionero me quedo entre tu llanto y mi miedo
Yo prisionero me siento
Y prisionero me quedo entre tu llanto y mi miedo.

3. LEI

Lei
non chiede mai
non vuol sapere se domani ci sarai
Lei
la notte, lei
può darti tutto senza chiederei chi sei
Lei
che quando vuoi
si specchia nei pensieri tuoi
Lei
che cerchi sempre anche se sai
che non la troverai

Lei
che quando vuoi
si specchia nei pensieri tuoi
Lei
che cerchi sempre anche se sai
che non la troverai

Lei
non chiede mai
non vuoi sapere se domani ci sarai
Lei
la notte, lei
può darti tutto senza chiedere chi sei
Lei
che quando vuoi
se specchia nei pensieri voi
Lei
che cerchi sempre anche se sai
che non la troverai

4. STORIE DI PRIMAVERA

Qualche candela accesa
in ginocchio davanti a Dio
scrutavo con lo sguardo la chiesa
cercavo il viso suo
Il sacro ed il profano
sciolti nei pensieri miei
con l’incensiere in mano
ed negli occhi soltanto lei
Non l’ho mai conosciuta
non ho pianto
non le ho mai chiesto niente
eppure giuro che
l’ho amata tanto

La prima festa dieci amici
di ragazzine due o tre
un ballo ed essere felici
ha detto «sì» soltanto a me
Prenderla sotto braccio
se vuoi ti accompagno io
poi con un certo impaccio
sotto l’ombrello suo
Io non l’ho mai baciata
e non ho pianto
non le ho mai chiesto niente
eppure giuro che
l’ho amata tanto

La prima cosa seria
la prima gelosia
la notte non riuscivo a dormire
chissà se è soltanto mia
La sua verginità
se la teneva stretta
io avevo troppa fretta
e l’ho lasciata andare
Non ci ho mai fatto l’amore
non ho pianto
non le ho mai chiesto niente
eppure giuro che
l’ho amata tanto

Non ci ho mai fatto l’amore
non ho pianto
non le ho mai chiesto niente
eppure giuro che
l’ho amata tanto

Storie di primavera
Non torneranno più
Storie di primavera
Non torneranno più

5. LA HABITACIÓN DEL SOL – LA STANZA DEL SOLE

Seguendo una musica dolce straniera
la stanza del sole drovai
ma uscendo dal corpo
e volando leggera
la mente rivide che amai
la bimba spaurita
dal giusto sorriso
quei giocchi colore dei miei
la donna arrogante
lo sguardo deciso
chi vince pero non saprei

le frasi d’amore
sembravan le stesse
ma il corpo ha un’altra emozione
è come morire di notti stellate o solo in una stazione

e qui
nella stanza del sole
io nascevo morendo tra distese di vuole e rimorsi del cuore
e sì
ho sbagliato cammino
in un solo momento
dando un calcio al destino
e alle leggi del tempo

bambina, guardavi le foglie cadute
ma il grigio si mischia col blu
per te son le prime battaglie perdute
ma devi reagire anche tu
il mondo in cui vivi non lascia sognare
coi sogni dei soldi non fai
e c’è chi l’amore lo deve comprare
tu credi a quello che dai

mentre il suo corpo portò un nuovo giorno
ho pressi perché c’è chi vuole
guardandosi dentro e guardandosi intorno
cercare la stanza del sole

e qui
nella stanza del sole
io nascevo morendo tra distese di vuole e rimorsi del cuore
e sì
ho sbagliato cammino
in un solo momento
dando un calcio al destino
e alle leggi del tempo

e qui
nella stanza del sole
io nascevo morendo tra distese di vuole e rimorsi del cuore
e sì
ho sbagliato cammino
in un solo momento
dando un calcio al destino
e alle leggi del tempo

6. EN EL LECHO DE MI CASA – NEL LETTO DI CASA MIA (ENTRÓ LA LUNA)

In casa entrò la luna
nessuno la vide ma
nel letto di casa mia entrò la luna

la lampada era accesa
per questo non la abbiamo vista
l’amore se lo fai bene è anche attesa

ma appena si vede buio sulle pareti
i nostri corpi erano lì
un mare di onde
poi il nostro risveglio
l’amore luce per fino quando è buio

e poi non parlavi più
romantiche nostalgie
castelli d’argento le belleze tue
i fiori sul tavolino
ti davano l’emozione
ed un cieco che si innamori di un bambino

ma appena si vede buio sulle paretti
i nostri corpi erano li
un mare di onde
poi il nostro risveglio
l’amore luce per fino quando è buio

un mare di onde
poi il nostro risveglio
l’amore luce per fino quando è buio

In casa entrò la luna
nessuno la vide ma
nel letto di casa mia entrò la luna

7. SEÑORA MÍA

Señora mía
Perdone si he venido
Mas no sé lo que me pasa
Las ganas de hablarle que ahora tengo
Han sido como un fuego aquí dentro.
Señora mía
Si usted no me aceptara
Dormir yo ya no podría
Yo sé que no es momento
Pero usted debe saber.
En mi mirar supiera
Cuantas veces la he tenido
Y en mis sueños la veía aquí a mi lado
De noche yo miraba a través de su ventana
Imaginaba todo, mas no pregunte nada.
Se ruboriza
Si sólo he venido
A decirle dos palabras
Si es mucho, me merezco desconfianza
Si usted me diera al menos una esperanza.
Señora mía
Yo vivo aquí enfrente en la misma calle suya
Mas antes que me vaya
Yo le debo hacer saber
Señora mía supiera
Cuantas veces la he soñado
Y en mis sueños la veía aquí a mi lado.
De noche yo miraba a través de su ventana
Imaginaba todo, no me pregunte nada.
Señora mía supiera
Cuantas veces la he soñado
Y en mis sueños la veía aquí a mi lado…

8. CIRCOSTANZE

Ci sono delle circostanze
che è meggio non vestirsi presto
per dare l’impressione a lei
che hai datto tutto te stesso

Ci sono delle circostanze
che è meggio spegnere la luce
perché a fare certe cose
c’è ancora chi arrossisce

ci sono dei momenti tristi
che è meglio dirsi addio
sbattere la porta in faccia
per ritrovare il proprio Dio

Ci sono delle circostanze
che ti spari se una donna ti lascia
o delle altre in cui la passi liscia
ma ti senti morire dentro
perché sai che non hai fatto centro

ma se un cavalliere di ventura
sono io
vieni in mi incontro tu
amore mio
cancella i limiti della mia vita

E se fossi la tua circostanza per un’ora
mi accenderesti tu
addesso ancora
a volte nevica di primavera

Ci sono delle circostanze
che parle a un’altra del tuo amore
e quella che ti sta davanti ti sembra un confessore

Ci sono delle circostanze
che è meglio dire una bugia
ormai ne ho dette tante
e tu sei quella mia

Ci sono delle circostanze
in cui ti spari se una donna ti lascia
o delle altre in cui la passi liscia
ma ti senti morire dentro
perché sai che non hai fatto centro

ma se un cavaliere di ventura
sono io
vieni in mi incontro tu
amore mio
cancella i limiti della mia vita

9. LA MIA CITTÀ DI NOTTE

Passa un metronotte
con la vecchia bicicletta
fa la guardia al mondo
senza fretta

mentre un fuoco acceso
sulla strada illuminata
il volto dell’amore a buon mercato

la mia città di notte
non è per preti e santi
la mia città di notte
è per chi non sa tirare avanti

suona un antifurto
qualche luce già si accende
la gente il proprio sonno lo difende
ad un incrocio c’è
chi fa la solita partita
e si gioca a dadi un po’ di vita

la mia città di notte
non è per preti e santi
la mia città di notte
è per chi non sa tirare avanti

ma adesso io
torno a casa e poi
so che nel mio letto ci sei tu
ci sei tu, ci sei tu, ci sei tu
ci sei tu, ci sei tu, ci sei tu

si tramuta in sogno
tra le pieghe di un cuscino
il respiro dolce di un bambino

10. EL AMOR ES UNA COSA GRANDE – L’AMORE È UNA GRAN COSA

Io con te
sai che farei
cose che…
ti metterei davanti ad uno specchio e poi
baciandoti ti guarderei

tu diresti con inocenza
c’è troppa luce in questa stanza
insieme a te
l’amore è una gran cosa
e poi non parleremmo
non parleremmo più

tu… tu puoi……tu puoi fare tutto quel che vuoi
ma dillo e morirei
l’amore è una gran cosa insieme a te
tu invece muori per un altro come me
ma perché
avere due avventure quando sai che voglio bene a te

tu puoi fare tutto quel che vuoi
ma è solo fantasia
e poi chissà
chissà che cosa pensi tu
pensi a quando eri bambina
l’erba giocava con te
ora il tuo prato è buio
tu..tu puoi…

ma se non fermi i tuoi passi nel mio cuore
amor mio
potresti perder tutto
e poi di un giorno tu ti perderai
ma tu puoi fare quel che vuoi
che bella come sei
l’amore è una gran cosa insieme a te

11. EPPURE L’IMMAGINAZIONE

Non c’è mai capitato di sentirti come chiuso in prisione
ed odiare la tua faccia nello specchio senza alcuna ragione

e uscire nella notte da solo
sperando di trovare qualcosa nel buio
eppure l’immaginazione

non ti è mai capitato di svegliarti con la voglia di amare
e non aver vicino a te nessuno per poterti sfogare
di prendere il telefono in mano
cercando di raggiungere un sogno lontano
eppure l’immaginazione

mi porta lei
dovunque sia
anche se fosse a casa sua
vorrei odiarla sempre ma

ritorna lei
che come un fiume piena
mi porta via
pian piano mi trascina
ed io ci casco sempre più

Non ti è mai capitato tutto ad un tratto di vederla tornare
la tieni tra le braccia e sei divisso tra l’orgoglio e l’amore
ma mentre tu la senti tremare
capisci che c’è solo una cosa da fare
non serve l’immaginazione

ritorna lei
addesso è qui
ad i occhi miei risponde sì
e s’addormenta su di me

ritorna lei
che come un fiume piena
mi porta via
pian piano mi trascina
ed io ci casco sempre più

ritorna lei
addesso è qui
ad i occhi miei risponde sì
e s’addormenta su di me

12. GLI OCCHI DI TUA MADRE

Piove da qualche minuto
ti guardo e mi sento sfinito
mentre non riesco a spiegarti che cosa mi è capitato.
Era una sera normale
ti ero venuto a cercare
non c’eri però con tua madre mi misi a parlare
e quando l’ho avuta di fronte che scherzo
mi han fatto gli occhi miei
credevo che fossi tu ed era lei
poi mi sembrò naturale guardarla così come
guardo te
perché sei uscita, perché?
Mi hanno fatto innamorare
gli occhi verdi di tua madre
il sorriso di un tramonto
dove ci si può specchiare
i tuoi passi all’improvviso
e un tuffo al cuore immenso
…se ci penso…
la pioggia continua a cadere e tu continui
a non parlare
hai l’aria di un cigno che muore, la vittima
la sai fare
di certo non è quel sospiro che può cancellare quel che sei:
tu rimani tu, e lei è lei
non è colpa mia se mi piace
ogni cosa che rassomiglia a te
adesso hai capito perché…
Mi hanno fatto innamorare
gli occhi verdi di tue madre
il sorriso di un tramonto
dove ci si può specchiare
i tuoi passi all’improvviso
e un tuffo al cuore immenso…
Mi hanno fatto innamorare
gli occhi verdi di tue madre
un sorriso di un tramonto
dove ci si può specchiare
i tuoi passi all’improvviso
e un tuffo al cuore immenso
se ci penso…
se ci penso…

Lista de Reproducción

Disfruta oyendo una selección de sus canciones

Volver a la Discografía

Sigue descubriendo sus Discos