LENTES DE CONTACTO Sandro Giacobbe

LENTES DE CONTACTO (1978)

Lista de Canciones

1. VOLAR, VOLAR (Volare via)

Gaviota blanca en libertad
El mar que viene, el mar que va
El cielo está tan cerca de mí,
Voy hacia ti
Volar, volar
Tan alto
Hacia la luz
Entra en el silencio para escuchar el eco de un suspiro
Volar, volar
Tan alto
Hacia la luz
Bajar luego en picado y remontar el vuelo enamorado
Volar, volar
Tan alto
Hacia la luz
Y darme cuenta luego que siempre que te abrazo estoy volando
Volar, volar
Tan alto
Hacia la luz
Y darme cuenta luego que siempre que te abrazo estoy volando
Volar, volar
Tan alto
Volar, volar
Tan alto
Gaviota blanca en libertad
Gaviota blanca en libertad
El mar que viene, el mar que va
El mar que viene, el mar que va
Gaviota blanca en libertad

2. EL POZO DE LOS ESPEJISMOS (il pozo dei miraggi)

Il pozzo dei miraggi è sempre là
ma il secchio l’ho buttato
a forza di illusioni a questa età
ti senti già svuotato

Amori consumati
come giorni
speranze e sogni che
si arrendono
e al mercatino delle cose vecchie
prima o poi
si vendono

Conigli bianchi
del capello e poi
le luci sulla faccia
un clown o un menestrello, come vuoi
ma basta che ti piaccia

Ma quando mi ritrovo solo un uomo
nel mio cilindro non c’è niente:
un letto per dormire e la mia foto
sopra la patente

Ho dato alloggio alla fatalità
rischio all’avventura
ma l’ombra della regolarità
faceva più paura

Quando un’altra donna se ne va
rimane solo il suo profumo
e pensi che domani accanto a te
non ci sarà nessuno

E il pozzo dei miraggi è sempre là
ma io non ho più sete
mi passa quando l’orizzonte ormai
non è che una parete

E vivere diventa
un po’ morire
non c’è più niente che ti tocca
comunque quei miraggi li ho lasciati
con l’amaro in bocca

E vivere diventa
un po’ morire
non c’è più niente che ti tocca
comunque quei miraggi li ho lasciati
con l’amaro in bocca

Comunque quei miraggi li ho lasciati
con l’amaro in bocca

Comunque quei miraggi li ho lasciati
con l’amaro in bocca

3. Y LO SABES (E lo sai)

E lo sai
t’avrei detto
amore mio
non mi basta avere poco
ti dico addio
la ragione stà lì
nella gran confusione in cui tu vivi
è così
io ti perdo, poi ti trovo
sempre più andata,
sempre malata di lui
E lo sai
che sul fondo ci sono io
io che senza rumore ti dico addio
mi sembravi speciale
illusione banale
di chi ama ogni giorno di più
è assurdo continuare
non serve cercare
qualcosa che ormai
non c’è più
Parola mia, parola mia
tu mi hai già perso
non puoi fermare la realtà con un discorso
non puoi cancellare le notti d’amore passate lontano da me
Ma lo sai che mi basta una promessa
dimmi che da domani non sei la stessa
ma lo sai che stasera
una sola parola
può farmi restare con te
ma lo sai che stasera una sola parola
può farmi restare con te

4. NINA

No estés jamás seguro de lo que es
Que un hombre maquillado parece una mujer
La noche no distingue porque no ve
Y tú bajo la noche cualquiera puedes ser
Nina
Por su mujer y su bambina
Por la mañana en la oficina
Con su corbata masculina
Nina
Parece bella con la luna
Siempre ofreciéndose en su esquina
Más cariñosa que ninguno
Detrás de las paredes, en un andén
Escondes tus secretos como Lili Marlen
Buscando en el espejo tu identidad
Y el único reflejo es negra oscuridad
Nina
Por su mujer y su bambina
Por la mañana en la oficina
Con su corbata masculina
Nina
Parece bella con la luna
Siempre ofreciéndose en su esquina
Más cariñosa que ninguno
Nina
Parece bella con la luna
Siempre ofreciéndose en su esquina
Más cariñosa que ninguno
Nina

5. ESTRÉCHAME MÁS (Stringimi di più)

Stringimi di più
voglio che sia tu
l’ultima d’andare via
balla e non pensare a chi non c’è
non puoi più fare niente
per difenderti da me
Stringimi di più
troppo bella tu
non ti lascio andare via
metti le tue mani tra le mie
ci oddia cordialmente l’uomo delle polizie
due signori un po’ bevuti
che ci fanno dei saluti
il disc-jockey s’alza e se ne va
ha finito già
tra un minuto siamo soli
tra un minuto siamo soli
amore stringimi di più
voglio che sia tu
l’ultima d’andare via
l’ultimo momento di magia
un bacio che non si ripete mai
e capisco che anche tu lo sai
stringimi di più
voglio che sia tu
l’ultima d’andare via
l’ultimo momento di magia
un bacio che non si ripete mai
e capisco che anche tu lo sai
ed anche se la musica ci ha già lasciato
stringimi di più

6. LENTES DE CONTACTO (Lenti a contatto)

Lenti a contatto
malgrado tutto
ne ho bisogno anch’io
Miro distratto
ed un alto uomo ha presso il posto mio
come mai
dentro al mio letto
adesso dorme quel signore lì
io per dispetto
nelle sue scarpe faccio la pipì
faccio la pipì
Lenti a contatto
tutta di un tratto, la pornografia
un candelotto segna l’attaco della polizia
come mai
come era bello fare l’amore giù alla ferrovia
il controllore che i tuoi orgasmi si portava via
si portava via
Io non ti ho mai chiesto la fica
è una cosa troppo logica
tu comunque mi hai convinto
che la vita è un labirinto
Io non ti ho mai chiesto la fica
è una cosa troppo logica
Lenti a contatto
ma fossi matto non le metto più
Lenti a contatto
io vedo troppo e non mi vedi tu
come mai
mille ragazze
riempion le piazze
ciao Annamaria!
oggi mi faccio tutto da solo
giù alla ferrovia
giù alla ferrovia
Io non ti ho mai chiesto la fica
è una cosa troppo logica
tu comunque mi hai convinto
che la vita è un labirinto
Io non ti ho mai chiesto la fica
è una cosa troppo logica
Io non ti ho mai chiesto la fica
è una cosa troppo logica
tu comunque mi hai convinto
che la vita è un labirinto

7. PUEDES (Puoi)

Ogni volta che ci provo
mi ripetto non sapevo
non avrò la soluzione
ma la voglia me la levo
de inconscente come solo voglio te
io voglio te
Puoi gridarmi che lo ami
dirmi che vai via domani
puoi sorprenderti gelosa
o proppormi giochi strani

puoi far tutto
puoi travolgere anche me
ma voglio te
giuro che adesso voglio te
Se per caso faccio male
tanto meglio, tanto vale
anche questo serve a non morire
tu non ti meravigliare
non c’è molto da capire
come faccio a stare qui a guardare
come faccio a non volere… te
Puoi rubare il mio silenzio
un sospiro, un’emozione
quello che mi porto dentro
puoi legarlo a un aquilone
puoi fare tutto
puoi travolgere anche me
ma voglio te
giuro che adesso voglio te
Se per caso faccio male
tanto meglio, tanto vale
anche questo serve a non morire
tu non ti meravigliare
non c’è molto da capire
come faccio a stare qui a guardare
come faccio a non volere
non ostante le paure… te

8. ESTO ES (C’è)

C’è
da qualche parte c’è
un gesto dove tu ricordi me
c’è
tra i desideri tuoi
qualcosa che fini d’allora in poi
Probabilmente a me
non pensi quasi mai
ma a volte come un lampo nella mente
parlando a chi sa qui
ti accorgi che non è
possibile promettere più niente
C’è
nel nostro addio
un vuoto che non è soltanto mio
Probabilmente a me
non pensi quasi mai
ma a volte come un lampo nella mente
parlando a chi sa qui
ti accorgi che non è
possibile promettere più niente
C’è
nel gusto del caffè
quel cucchiaino in più
che piace a me

9. DETRÁS DE LAS RAMAS DEL CEREZO (Dietro ai rami del ciliegio)

La serata muore adagio
dietro ai rami del ciliegio
sta spiando le mie morse
mentre le tue labbra rosse
concretizzano un presagio
non parlare te ne prego
io non voglio fare il mago
ma ho capito quasi tutto
se lo dici son distrutto
t’amo troppo non lo nego
(Rimani, rimani)
dimmi che mi vuoi ancora
dimmi, dimmi che mi vuoi ancora
Ti prometto da domani
noi saremmo più vicini
e ti compro quel vestito che non mi era mai piaciuto
ma tu stringimi le mani
ti regalo anche l’orgoglio
sto facendo del mio meglio
per non rovinare tutto
non lo vedi, son distrutto
dimmi che non sono sveglio
(Rimani, rimani)
dimmi che mi vuoi ancora
dimmi, dimmi che mi vuoi ancora
La serata muore adagio
dietro ai rami del ciliegio
la serata muore adagio
dietro ai rami del ciliegio
sta spiando le mie morse
mentre le tue labbra rosse
concretizzano un presagio
dietro ai rami del ciliegio
(Rimani, rimani)
dimmi che mi vuoi ancora
dimmi, dimmi che mi vuoi ancora

Lista de Reproducción

Disfruta oyendo una selección de sus canciones

Volver a la Discografía

Sigue descubriendo sus Discos