NOTTE SENZA DI TE Sandro Giacobbe

NOTTE SENZA DI TE (1980)

Lista de Canciones

1. NOTTE SENZA DI TE

 

Notte, rimani ancora non te ne andare

notte, mi affaccio fuori per respirare

notte, ti avvolge un velo di magia

notte, ti stringo forte sei tutta mia.

Parte una nave parte per chissà dove

lascia il suo porto e scivola in mezzo al mare

un giorno o l’altro poi la vedrò tornare

e se tornasse adesso le potrei dire.

Dammi l’amore dammi l’amore dai

dammi l’amore dammi l’amore dai

sciogli la neve scaldami il cuore e poi

Bevi nel mio bicchiere mi guarirai.

(Coro

Notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

io da solo, perchè, notte senza di te)

Notte, da consumare per la città

notte, per chi facendo l’amore sta

notte, per chi da solo e come me

notte, le sue ferite cura da se

Ed anche questa notte sta per finire

riprende adagio il gioco per non morire

un’altra primavera sta per tornare

e se tornasse adesso le potrei dire.

Dammi l’amore dammi l’amore dai

dammi l’amore dammi l’amore dai

sciogli la neve scaldami il cuore e poi

bevi nel mio bicchiere mi guarirai.

(Coro

Notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

io da solo, perchè, notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

Notte senza di te

dammi l’amore dammi l’amore dai

io da solo, perchè, notte senza di te)

2. DECIDI TU

 

E ti vedo quando puoi

impegnata come sei

a cercar bugie tra noi

sei la fonte dei miei guai

complicato amore mio

tu non sei soltanto mio

devo prenderti a metà

con un alto che non sa

o lasciarti andare, come un aquilone.

E ti vedo come sei

vuoi amore e amore dai

ma coi sentimenti tuoi

tutto è calcolato ormai

complicato amore mio

forze il pazzo son io

o sei tu che prima o poi

impazzire mi farai

evitarti per un po’ sarebbe meglio

ma poi non so.

Decidi tu

o stai con me o stai con lui

decidi tu

o scegli adesso oppure mai

per ricomniciare noi

per crederci un po’ di più

per sognare insieme noi

in due però più liberi.

E il silenzio che c’è in te

scioglie la mia fantasia

faccio a meno dei perché

penso che sei solo mia

complicato amore mio

non temer ci sono io

lascia i dubbi a casa sua

scorda la malinconia

passa un treno e mi riporta con la mente

«mi penso o no»?

Decidi tu

o stai con me o stai con lui

decidi tu

o scegli adesso oppure mai

per ricomniciare noi

per crederci un po’ di più

per sognare insieme noi

in due però più liberi.

Per ricomniciare noi

per crederci un po’ di più

per sognare insieme noi

in due però più liberi.

3. LA CASA DI PERIFERIA


La casa è quella in fondo alla via

l’ambiente quello di periferia

lasci cadere vestito e paure

quanto coraggio per abortire.

Cento lire dentro ad un juke box

che ogni tanto si incantava un po’

l’orologio stava appeso al muro

il tempo non passava mai

e restavi ore ed ore lì

inchioata ai vetri di quel bar

con le tende un po’ sbiadite di tela blu.

Danza nell’aria la malinconia

in quella casa di periferia

lui era entrato nella vita tua

poi senza scuse se ne spcappò via.

Ma qualcosa lui lasciò dentro di te

e non era il sapore del caffè

e che adesso vuoi buttare via

per riparare a una pazzia

ma pazzia non è questa qui?

senti che non puoi restare lì

senti che non puoi sbagliare ancora di più.

La nebbia scende e copre i falò

ecco che arriva il tuo tram, però

ti volti e guardi in fondo alla via

c’era una casa di periferia

4. SALVIAMOCI


E finisce qui

senza far rumore

la tua libertà

tra un po’ potrai riavere

non ti ho saputo dare, un’altra vita

tu come sabbia, scivolavi

tra le dita.

E non serve più

stare qui a pensare

se hai sbagliato tu

o non ti ho saputo amare

c’è già chi per noi due dovrà pagare

un figlio non è un gioco

non si può cancellare.

Ci deve essere per forza un modo migliore

per salvare il nostro amore

ma l’orgoglio a volte cresce e riempie il tuo cuore

io con te ci tornerei

io con te ci tornerei.

Dimmi che farai

sotto le lenzuola

quando capirai

che soli non si vola

e aprirai la porta a un altro uomo

ma dopo un po’ ti accorgerai

che è come sono.

Ci deve essere per forza un modo migliore

per salvare il nostro amore

ma l’orgoglio a volte cresce e riempie il tuo cuore

puoi buttarlo in fondo al mare

o brusciarlo insieme a me.

Ci deve essere per forza un modo migliore

per salvare il nostro amore

ma l’orgoglio a volte cresce e riempie il tuo cuore

puoi buttarlo in fondo al mare

o brusciarlo insieme a me.

Ci deve essere per forza un modo migliore

per salvare il nostro amore

ma l’orgoglio a volte cresce e riempie il tuo cuore

io con te ci tornerei

io con te ci tornerei.

Ma salviamoci

ma salviamoci.

Sì salviamoci.

5. DAL METRO A N.Y

 

Ogni mattina te ne vai

al tuo lavoro e pensi che

un giorno o l’altro questa vita cambierà

e poi ti siedi sul metrò

socchiudi gli occhi per un po’

non senti più la gente intorno a te

e sei disteso al sole accanto a lei

non c’è nessuno, soltanto lei

due occhi azzurri come i suoi

tu non li avevi visti mai, davvero.

Sei, lontano mille miglia ormai

sei, dove ti porta la tua mente

oh, sei, nel pieno centro di New York

sei, un uomo solo nel deserto

va, la fantasia non ha età

non costa niente e ti dà

un poco di serenità.

E mentre corre il tuo metrò

non sa dei sogni che tu fai

e senza scuse ti riporta alla realtà

c’è un uomo che legge il giornale

un altro sta per arrivare

e una signora si trascina la sua età

la tua fermata è lì che stà a guardare

tu chiudi le occhi e pensi che

anche se oggi è lunedì

il tuo lavoro è ancora lì, domani.

Sei, lontano mille miglia ormai

sei, dove ti porta la tua mente

oh, sei, nel pieno centro di New York

sei, un uomo solo nel deserto

va, la fantasia non ha età

non costa niente e ti dà

un poco di serenità.

6. QUANTA PAZIENZA

 

Immagina una casa in mezzo a un prato

e lei che stende al sole il suo bucato

l’odore di città la nebbia e la follia

a poco a poco sono andate via.

Immagina un tramonto tutto rosa

che s’addormenta adagio su ogni cosa

il cane che in silenzio s’accuccia accanto a te

altro non c’è ti senti bene come un re.

E invece stai seduto lì

dietro a una tazza di caffè

i giorni tuoi son sempre uguali

come scadenze di cambiali

e la politica e lo sport

discorsi fatti in mensa, quanta pazienza

ma quanto tempo durerà?

Immagina una corsa in riva al mare

fermarsi ad ascoltare un pescatore

le storie che racconta leggende senza età

altro non c’è ti basta solo stare là.

E la politica e lo sport

discorsi fatti in mensa, quanta pazienza

ma quanto tempo durerà?

Quanta pazienza

ma quanto tempo durerà?

quanta, quanta pazienza

ma quanto tempo durerà?

7. SEI PER ME

 

Sei per me

un’ di più

sei per me

un mare blu

sei per me, una malattia

che non vuole andare via.

Sei per me

qualcosa che

più la fuggo

e più mi attira a sè

sei, a volte, la malinconia

ma mi piaci non andare via.

Sei per me, il primo bacio

sei per me, un fuoco acceso

un treno in corsa, sei.

Sei per me, un’emozione

sei per me, una canzone

che non scordi più,

sei l’amore, tu, sei per me,

qualcosa in più.

Sei per me

la gelosia

sei per me

la mia allegria

sonni inquieti che non hanno età

pregiudizi abbandonati, qua.

Sei per me, il primo bacio

sei per me, un fuoco acceso

un treno in corsa, sei.

Oh, oh, sei per me, un’emozione

sei per me, una canzone

che non scordi più,

sei l’amore, tu, sei per me,

qualcosa in più.

(Coro

Sei per me, il primo bacio

sei per me, un fuoco acceso

un treno in corsa, sei.

Sei per me, un’emozione

sei per me, una canzone

che non scordi più,

sei l’amore, tu, sei per me,

qualcosa in più.

Sei per me, il primo bacio,

sei per me, un fuoco acceso,

Sei per me, il primo bacio,

sei per me, un fuoco acceso,

Sei per me, il primo bacio,

sei per me, un fuoco acceso,

sei per me).

8. LASCIO

 

Oggi lascio la città

le sirene e il piano bar

una camera, che non vede mai la luce.

Lascio a quello che verrà

l’alba che lo incontrerà

rincasare e poi, illudersi che può cambiare.

Lascio l’amore

che ormai mi son stancato di cercare

che ho dato sempre e ho sempre fatto male

però rimpianti adesso non ne ho

lascio l’amore

e tutti i dispiaceri che puù dare

chissà se sono in tempo per cambiare

ma un’altra vita non ce l’ho.

L’eco della ferrovia

quante stelle son lassù

questa notte blù

risveglia la mia fantasia.

Non so più gli anni che ho

se son vecchio oppure no

sono stanco ormai, ho tanta voglia di dormire.

Lascio l’amore

che ormai mi son stancato di cercare

che ho dato sempre e ho sempre fatto male

però rimpianti adesso non ne ho

lascio l’amore

e tutti i dispiaceri che puù dare

chissà se sono in tempo per cambiare

ma un’altra vita non ce l’ho.

Lascio l’amore

che ormai mi son stancato di cercare

che ho dato sempre e ho sempre fatto male

però rimpianti adesso non ne ho.

Lascio l’amore

e tutti i dispiaceri che puù dare

chissà se sono in tempo per cambiare

ma un’altra vita non ce l’ho.

Lista de Reproducción

Disfruta oyendo una selección de sus canciones

Volver a la Discografía

Sigue descubriendo sus Discos